Nei casi di azoospermia, in cui il recupero chirurgico testicolare di spermatozoi non è possibile o non ha dato risultati positivi, oppure dopo ripetuti fallimenti FIVET/ICSIè possibile ricorrere all’utilizzo di seme eterologo, ovvero di un donatore di liquido seminale.

Il seme crioconservato appartenente ai donatori può essere utilizzato per eseguire un’inseminazione intrauterina eterologa o una fecondazione in vitro eterologa, con tecniche identiche a quelle omologhe.

La scelta del campione di donatore da utilizzare viene effettuata con grande accuratezza sulla base delle informazioni disponibili della coppia destinataria. Le caratteristiche fisiche e il gruppo sanguigno del partner e futuro padre del bambino sono naturalmente considerate durante la scelta del donatore.

Per ricorrere all’utilizzo della banca del seme la Legge Federale Svizzera richiede l’obbligo del matrimonio.

SELEZIONE DEL DONATORE

ProCrea Andro ha una qualificata banca del seme con unità di liquido seminale crioconservato proveniente da donatori selezionati. I donatori di seme provengono sia dalla banca interna di ProCrea Andro, sia da una specializzata banca estera.

Tutti i donatori reclutati e selezionati devono soddisfare criteri di salute, fisici e psichici come richiesto dalle Linee Guida Internazionali. Ogni donatore viene sottoposto a rigorose analisi anamnestiche (per escludere malattie ereditarie), infettivologiche e genetiche per garantire la massima sicurezza per la paziente e per il nascituro.

ProCrea, come unico centro in Europa, offre un’analisi di compatibilità genetica tra la futura mamma e il donatore per aumentare le possibilità di successo. Questo test, basato sulla determinazione del genotipo del gene HLA-G, permette di scegliere la combinazione migliore per la paziente. Infatti, l’HLA-G è una proteina molto importante durante l’annidamento e la gravidanza in quanto gioca un ruolo fondamentale nell’instaurare e mantenere la tolleranza immunologica tra embrione e mamma.

LISTA DELLE ANALISI EFFETTUATE SUI DONATORI

Genetica:

Cariotipo, Mutazioni del gene CFTR (Fibrosi Cistica), HLA-G

Biochimica:

Talassemia, Favismo (G6PdH), Proteina C reattiva, Chimica clinica generale

Infettivologia:

  1. Tramite PCR (Polimerase Chain Reaction): HIV, HCV, HPV,Chlamydia t., Neisseria g., Ureaplasma u., Mycoplasma h., Mycoplasma g., Trichomonas v.

  2. Tramite sierologia: CMV (IgG, IgM), HIV,Treponema p. (VDRL), Treponema (TPHA), HTLV, Hepatite-B agHBs, Hepatite-B abHBs, Hepatite-B abHBc, Hepatite-A IgM, Hepatite-C ab

  3. Tramite esami colturali - Gardnerella v.., Streptococchi, Ureaplasma u., Mycoplasma h. e batteriologia generale

I controlli batteriologici sul liquido seminale sono effettuati regolarmente durante il ciclo di donazione, mentre lo screening completo (biochimica e infettivologia) viene ripetuto 180 giorni dopo il termine stesso del ciclo di donazione.